Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AVERSA. Differenziata sotto controllo. 35mila euro di penalità alla Senesi se non rispetta gli indici minimi di raccolta


    Il provvedimento è stato adottato dall'amministrazione comunale targata Sagliocco

     

    sagliocco

    AVERSA - Nell’ottica del controllo del rispetto dei contratti in essere tra il Comune di Aversa con tutti i fornitori, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Sagliocco, sta passando al vaglio il contratto in essere con la Senesi spa, società che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti in città. In particolar modo è stata richiesta l’applicazione dell’articolo 8 del contratto vigente tra il Comune di Aversa e la Senesi. L’art. 8 prevede che ci sia una penalità pari allo 0,50% del canone annuo per ciascun effettivo punto percentuale di raccolta differenziata conseguito dal Comune di Aversa inferiore alla preordinata percentuale del 65% di raccolta differenziata.

    “Considerato che in data 18 marzo 2013 si è provveduto a consegnare l’area sita in zona Cappuccini, – ha scritto il dirigente comunale Giuseppe Nerone – si rappresenta che da tale data si darà attuazione al richiamato art.8, che prevede in caso di mancato raggiungimento del livello minimo di raccolta differenziata stabilito dalla normativa vigente, l’applicazione della penalità pari allo 0,5% del canone annuale per ogni punto percentuale in meno”. Il canone annuo che il Comune versa alla Senesi è pari a 7.080.890 euro il cui 0,5% è 35.404 che rappresenta la penalità che sarà applicata per ogni punto percentuale in meno rispetto al 65% (livello minimo stabilito dalla legge). Quindi se la percentuale dovesse assestarsi al 50% la Senesi riceverebbe una penalità di 531.056 euro annui.

    PUBBLICATO IL: 6 marzo 2014 ALLE ORE 15:59