Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La rivolta dei sindaci contro la folle legge sulla Terra dei fuochi in difesa dei castagnari: si rischia il commissariamento dell’ente montano


    I primi cittadini continuano a battere la pista sbagliata ossia quella di riferire agli agricoltori che mediante un’ordinanza gli abbruciamenti sono consentiti

    prevenzione-incendi-abbruciamenti

    ROCCAMONFINA -   Dopo aver  consultato gli organi competenti, sia a livello provinciale sia a livello regionale,  che,  in questo frangente, si stanno occupando della problematica degli abbruciamenti, possiamo affermare che  le autorizzazioni dei sindaci,  i quali non saranno avvallate dagli organi consulti,  potrebbero, in virtù del principio di autotutela,  coinvolgerli  nel concorso di reato o istigazione all’inosservanza di una legge nazionale.

    Nel caso in cui si ravvisino i reati sopracitati, i sindaci della Comunità Montana Monte Santa Croce,  che firmeranno le ordinanze inerenti il permesso per effettuare gli abbruciamenti, potrebbero finanche rischiare in via definitiva il commissariamento dell’Ente.

    La notizia dovrebbe far ricapitolare tutti i politici che, pur di arrivare al compimento dei loro intenti elettorali, continuano a battere la pista sbagliata ossia quella di riferire agli agricoltori che, mediante un’ordinanza gli abbruciamenti sono consentiti.

    In occasione dei tradizionali falò di San Giuseppe che, da secoli vengono accessi la vigilia del ricorrenza del Santo, sia nei comuni montani che in quello sessano, i Forestali hanno ribadito che il divieto di bruciatura  riguarda anche l’accensione delle cataste di fascine e ceppi per festeggiare  San Giuseppe nei vicoli dei paesi interessati. In questa fattispecie, i sindaci, constatato che si tratta di un evento solitario, in quanto i fuochi sarebbero accessi un’unica sera,    potrebbero aver qualche possibilità nella realizzazione  dei falò,  nel caso in cui si rivolgano alla Questura di Caserta o Prefettura,  per l’autorizzazione del caso, sempre ammesso che, chi di dovere si assumi l’intera responsabilità visto che in Provincia di Caserta, con l’aggravante della terra dei fuochi, chiunque può incappare in situazioni penali.

    Anna Izzo

    PUBBLICATO IL: 12 marzo 2014 ALLE ORE 10:19