Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ASI, Piero Cappello irrefrenabile: nuova short list per gli incarichi ai professionisti e una valanga si sms personali


    Giusto per dire, il presidente ci ha scritto citandoci delle leggi che gli consentirebbero di essere ancora una volta designato nel Consiglio e di riconcorrere per la riconferma alla massima carica, come se il problema fosse questo

    AsiCappello1

    Nelle foto, l’avviso pubblico dell’Asi e Piero Cappello

     

    CASERTA – Piero Cappello presidente dell’Asi di Caserta, ci ha postato su facebook un paio di accorati appelli. In uno di questi ha citato delle leggi, piuttosto vetuste, che, a suo dire, renderebbero legittima la possibilità  di poter eleggere un presidente tra consiglieri da poter selezionare, pescando in mezzo a soggetti estranei alle cariche elettive.

    Cappello scrive questo come se il problema di uno che chiede di rimanere a vita su una poltrona di un ente pubblico, neanche si trattasse di un feudo, sia costituito dalla quadra da trovare in un incrocio di norme tratte da quell’autentico ginepraio inestricabile del corpus giuridico italiano.

    Inutile parlare di etica, di buona creanza istituzionale, di necessità di far finire questo modo deteriore di utilizzare la politica a scopi esclusivamente clientelari e lottizzatori.

    Il pur simpatico Piero Cappello, infatti, ha respirato una certa aria sin da quando era in fasce, per cui, una testa così non la cambi certo discettando sui modelli americani e anglosassoni che costituiscono, in quei paesi civilissimi il rapporto tra la pubblica amministrazione, tra gli enti di rappresentanza, tra gli enti strumentali e chi li governa.

    Fatta la breve premessa che dovevamo al buon Piero, veniamo agli ultimi avvenimenti, in attesa che la Regione si pronunci in merito all’approvazione del nuovo Statuto e alle “scabrose” modifiche che esso contiene.

    Tanto per cambiare, l’Asi, per affrontare gli urgenti problemi, causati dalla crisi economica, dalla desertificazione industriale e da tutta quella serie di malattie, anche di tipo culturale, che tengono questi territori in uno stato di completo sottosviluppo, dicevamo, sapete che cosa ha elaborato? Una bella Short list aperta a non meglio precisati professionisti e finalizzata a concedere un bel poco di incarichi diretti.

    Se non ci credete, collegatevi al sito dell’Asi e vi renderete conto.

    Ma siccome Piero Cappello è veramente un appassionato gestore, un innamorato dell’ente che presiede, per il quale sacrifica intere giornate, rimettendoci anche di tasca sua, sapendo che il sito non è molto frequentato, ha fatto partire dal suo telefonino, dunque, a sue spese, decine di sms sui cellulari di diversi professionisti della provincia di Caserta, incitandoli e invitandoli ad iscriversi nella short list.

    Meglio di un ufficio di collocamento, se non fosse per l’infimo, insignificante particolare, che tutto ciò accada in una fase in cui Cappello è di nuovo impegnato direttamente in politica, dopo essersi candidato per gli organismi regionali, nelle recenti cosiddette primarie che hanno eletto la signora Tartaglione alla carica di segretario regionale.

    E peccato pure che manchi un anno alle prossime elezioni regionali, quando in campo scenderà ancora una volta, dopo l’esperienza non fortunata del 2010, il fratello di Piero Cappello, cioè Enzo Cappello, sindaco di Piedimonte Matese.

    Questo offre il convento.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 27 febbraio 2014 ALLE ORE 16:52