Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI, LA LETTERA A CASERTACE. L’indignazione di Giuseppe Lutri: “Io, escluso dal consiglio per un verbale sbagliato. Deluso da Massaro”


    Ci scrive e volentieri pubblichiamo il candidato della lista Udc che, pur avendone diritto, non è riuscito, per il momento, in attesa del riconteggio della Prefettura, in consiglio comunale.

    LutriMaddaloni1

    MADDALONI - Dopo un po’ di mesi in cui è stato ospite frequente di casertace, Giuseppe Lutri, l’indubbio defraudato nelle ultime elezioni amministrative di Maddaloni, ci scrive una breve lettera, in cui rievoca le vicende di quel verbale galeotto che ha assegnato al suo collega di lista, divenuto, poi, suo rivale, Massaro, ben 62 voti in una sola sezione, a fronte delle sole 2 preferenze raccolte in quella sezione, durante uno spoglio a cui hanno assistito decine e decine di persone che, concordemente, affermano proprio queste idee.

    Lutri ha ragione a dirsi amareggiato ed indignato dal fatto che Massaro, pur conoscendo la verità, non ha ritenuto di velocizzare la ricostituzione della legalità democratica, rassegnando le dimissioni.

    Se può consolare Lutri, noi di casertace, ieri, sabato, abbiamo formulato la stessa riflessione, condendola, però, con una considerazione sul fatto che noi non ricordiamo un caso di consigliere eletto, grazie ad un errore nella trascrizione dei verbali, che poi si è dimesso.

    E il “mal comune” c’è, almeno a casa di casertace, che sa di combattere contro i mulini al vento, ma non ha nessuna intenzione di rinunciare, non c’è “il mezzo gaudio”.

    Gianluigi Guarino

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA SPEDITACI DA GIUSEPPE LUTRI

    comunicato

    PUBBLICATO IL: 2 marzo 2014 ALLE ORE 13:17