Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MADDALONI Forza Italia perde un altro pezzo. Si è dimesso il consigliere D’Addiego. E Giunone mette nell’angolo la De Lucia


    Stamattina l'ufficializzazione. L'onda spagnola, affermatosi sulla onda della nuova legge elettorale, mutuata proprio dal sistema iberico, favorisce il modello politico elaborato proprio dalla Pascarella

     

    Rosa De Lucia e Giusy Pascarella

    (nella foto da sinistra De Lucia e Pascarella)

    MADDALONI- Maggioranza blindata, ma fino ad un certo punto, come avevamo detto nei giorni scorsi. E siccome quando Casertace scrive una cosa, molto spesso la notizia trova riscontro, com’è successo stamattina per quella sull’indagine sulla Procura della Repubblica sulla vicenda IAP, con l’arrivo in Municipio anticipato domenica proprio dal nostro articolo degli agenti di polizia, si farebbe a non sottovalutare anche le nostre delineazioni di scenario politico.

    Partiamo della notizia della mattinata: Mario D’Addiego, fino a ieri consigliere comunale di Forza Italia, ha abbandonato il gruppo consiliare, iscrivendosi a quello degli indipendenti.

    L’ortopedico, tra i più votati alle ultime elezioni comunali, è vicino alle posizioni dell’ex sindaco Antonio Cerreto.

    Con la sindaca De Lucia non è mai andato molto d’accordo e stamattina,venerdì, il divorzio è stato formalizzato.

    Giorni difficili, dunque, per la prima cittadina che certo non sta facendo una bella figura con il suo partito, visto che da coordinatrice provinciale all’ 33% nel rinomato trio Arcobaleno, perde un altro pezzo del gruppo consiliare forzista, che con l’addio di D’Addiego, che segue quello già datato di Luigi Bove, si è ridotto da 5 a 3, rendendo necessario a questo punto qualche rinforzo dalle liste civiche che però potrebbe determinare scossoni negli equilibri di giunta.

    Tra le altre cose, leggendo stamattina la mega marchetta che il Corriere di Caserta , che oggi chiamano Cronache ha regalato a “Giunone” Pascarella (com’è cambiato questo giornale, cambiato come i suoi dati di rendita di tre volte inferiore a quelli degli anni 2007 in giù), si capisce che la De Lucia, il sindaco lo fa in nome e per conto del noto imprenditore della “pannicultura” usata, Carmine Esposito, mentre la coordinatrice del partito la fa in nome e per conto della Pascarella che decide da se di essere la candidata all’elezioni regionali. Lo decide in base ad un’ amicizia personale con la “califfa” Francesca Pascale in base ad una scala di valori che, essendo tarata sul sistema spagnolo, cioè quello a cui si ispira la Legge Elettorale dell’Italicum tende a favorire una visione giunonica del mondo.

    Mi sa che ci divertiremo molto nei prossimi mesi.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 4 aprile 2014 ALLE ORE 11:48