Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Due anni in casa di lavoro per il pregiudicato Rosario Silenzio


    Il provvedimento è scaturito dalla pericolosità sociale attribuita al 29enne, reduce da una detenzione di cinque anni per il reato di rapina aggravata

    MADDALONI – Rosario Silenzio, 29enne di Maddaloni, dovrà scontare la misura di sicurezza detentiva della casa di lavoro per la durata di 2 anni, così come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dopo aver scontato una pena detentiva di cinque anni, poiché resosi responsabile di rapina aggravata.

    L’emissione di tale provvedimento è scaturita proprio a seguito della pericolosità sociale attribuita a Silenzio e dovuta alla sua propensione al delinquere nel corso degli anni.

    Nella prime ore della odierna mattinata gli investigatori del Commissariato di Maddaloni diretti dal Vice Questore Dr.ssa Renata Catalano e coordinati dal Sost. Commissario Esposito Vito, portatisi presso il domicilio del Silenzio, non trovandolo hanno iniziato una certosina attività di perlustrazione nelle zone e luoghi dallo stesso frequentati, tanto da attanagliare in una morsa i luoghi familiari al ricercando che si vedeva costretto a presentarsi presso il Commissariato di Polizia, ove veniva data esecuzione al provvedimento restrittivo.

    Ad incombenze ultimate il Silenzio è stato condotto presso il Carcere di Santa Maria Capua Vetere, per la successiva traduzione presso la Casa di Lavoro di Sulmona.

    PUBBLICATO IL: 22 febbraio 2014 ALLE ORE 18:10