Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PD, SURROGHE & TESORERIA. Abbate: “La lista è in direzione provinciale” e sul rimborso del tesseramento annullato: “Prima chairezza nelle gestioni precedenti”


    Nella foto Abbate e Cerchiello La segretaria Cerchiello: “Abbate era inserito alla posizione n°11 della lista a mio sostegno” GRAZZANISE – Abbiamo contattato, come promesso, Giovanni Abbate per fornire ai lettori le sue considerazione riguardanti la vicenda, evidenziata da Petrella e Raimondo e  affrontata, qualche ora fa, in un nostro articolo (clicca qui), su tesoreria e surroghe: “Stiamo […]

    Nella foto Abbate e Cerchiello

    La segretaria Cerchiello: “Abbate era inserito alla posizione n°11 della lista a mio sostegno”

    GRAZZANISE – Abbiamo contattato, come promesso, Giovanni Abbate per fornire ai lettori le sue considerazione riguardanti la vicenda, evidenziata da Petrella e Raimondo e  affrontata, qualche ora fa, in un nostro articolo (clicca qui), su tesoreria e surroghe: “Stiamo facendo luce – ha dichiarato il militante Pd – nelle gestioni precedenti, in pratica quelle che vanno dal 2010 al 2014, anche tenendo conto delle quote che dovevano versare i dirigenti secondo il regolamento del circolo. In merito alla surroga– ha concluso Abbate – i membri dell’ufficio di presidenza hanno sottoscritto il verbale e dovrebbero conoscere la lista consegnata al garante Marco Villano. Tutti gli atti, comunque, sono depositati presso la direzione provinciale.”

    Abbate, nel frattempo, ci ha consegnato la copia conforme all’originale dell’elenco.

    Sulla questione surroghe è intervenuta anche  Teresa Cerchiello, la quale con una comunicazione ufficiale ha dichiarato che “Giovanni Abbate era inserito alla posizione n°11 della lista a sostegno” della sua candidatura. Riguardo la tesoreria, invece, la giovane renziana ha confermato proprio quanto detto da Abbate: “ E’ prioritario, adesso, fare chiarezza sulle gestioni precedenti”.

    Ritornando agli ingressi nel direttivo Pd dopo le dimissioni di alcuni eletti, ci auguriamo che l’originale della lista dei candidati al direttivo esca fuori il prima possibile così da rassicurare chi ha richiesto chiarezza.

    Ora che abbiamo ascoltato le due campane ed espsoto i fatti veniamo alle nostre considerazioni.  Non prendiamoci in giro: surroghe e tesorerie, perdonatecelo, sono aspetti secondari. Burocrazia a parte, come abbiamo già scritto, quello che deve preoccupare il circolo Jotti è il malcontento di Petrella che se non arginato mina, inevitabilmente, l’assetto della maggioranza di partito. Anche se si farà chiarezza, e probabilmente si farà, sulla legittimità del direttivo e cassa di sezione, resta da risolvere il nodo politico.

    Generalmente la forma è sostanza, ma quando nei partiti l’attenzione alla forma oltrepassa il limite di guardia significa che c’è volontà di ridisegnare gli schemi. L’area Cerchiello obbligatoriamente (per questione di numeri) se vuole continuare il suo progetto deve ricongiungersi con Petrella. In caso contrario inizierà una nuova… telenovela Pd.

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 18 febbraio 2014 ALLE ORE 16:16