Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE. SAGA PD, la coordinatrice convoca una riunione “informale”, ma la minoranza del direttivo non andrà


    Non si presenterà perché aveva chiesto, invece, la convocazione ufficiale del direttivo o dell'assemblea dei tesserati

    Rosario-Ciliento

     

    GRAZZANISE – Il circolo Jotti forse non se ne rendo conto, ma fra un anno (questa la previsione) i cittadini, dopo il commissariamento, saranno richiamati a votare per le comunali: arrivare a quell’appuntamento non uniti, frammentati, in perenne disaccordo, significa annullare il proprio peso elettorale, significa che il Pd, per sua scelta decide di depotenziarsi e di rendersi inerme.

    E’ vero anche che alle comunale si va avanti di cartelli elettorali, eppure, nonostante questa tendenza civica, i democrat, ora guida nazionale del governo e organo pullulante, almeno nei mazzoni, di giovani, potrebbero, almeno in potenza, rappresentare un nucleo importante per il rilancio del paese, ed invece si persiste, anzi si sceglie il marasma.

    Comunque, del peso, dell’incidenza del Pd sulle prossime amministrative ce ne occuperemo in un articolo a parte (occorre scriverne uno dedicato, perché la questione è complessa). Adesso, invece, vogliamo trattare gli ultimi episodi interni, di sezione, della saga circolo Jotti.

    Per oggi, lunedì, è stata convocata una “riunione informale” alla quale la minoranza del direttivo non parteciperà. Non sarà presente per due motivi: il primo, perché non ritiene opportuna una riunione informale quando aveva espressamente richiesto (a dichiararlo fu Ciliento) la convocazione ufficiale di un direttivo o dell’assemblea. Il secondo, perché  l’argomento che avrebbe spinto la convocazione odierna è incentrato sulle “continue fibrillazioni” perlopiù, a nostro avviso, interne, fibrillazioni che poi il gruppo uscito sconfitto (per 3 voti) dal congresso non vuole neppure trattare perché, appunto, le ritiene da se distanti.

    E a proposito di beghe l’opposizione coglie l’occasione anche per evidenziare un aspetto di tenuta politica fondamentale: “Il vicesegretario Petrella – ci comunica la minoranza del direttivo – non ha spazio politico e per portare a termine i suoi progetti deve addirittura chiedere il nostro appoggio. Ci viene un dubbio: esiste ancora questa maggioranza? E’ stata convocata, poi, una segreteria, - ha continuato l’area Ciliento – durante la quale sono state discusse iniziative che sarebbero dovute passare per il direttivo, addirittura senza che fosse stata prima formata. La sua costituzione – ha concluso la minoranza del circolo Jotti – doveva, invece, avvenire nel prossimo direttivo che però ancora non è stato convocato”

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 17 marzo 2014 ALLE ORE 14:14