Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA. Ventriglia, neo consigliere regionale, andrà a rafforzare il plotone di coloro che chiederanno a Caldoro l’azzeramento della giunta. Ecco perchè Paolo Romano “rosica”


    Venerdì mattina c'è stato l'esordio ufficiale del sindaco di Curti nel parlamento del Centro Direzionale. Avendo fino ad ora espresso critiche, non infondate, sul nulla totale della rappresentanza casertana in giunta nel Consiglio Regionale, automaticamente, pur aderendo forse da indipendente al gruppo di Forza Italia, Ventriglia sposerà le tesi dei consiglieri di Forza Campania e di quelli del Nuovo Centrodestra che non sono d'accordo con il "caldoriano" Paolo Roman

    Da sinistra: Domenico Ventriglia, Paolo Romano e Nicola Cosentino

    Da sinistra: Domenico Ventriglia, Paolo Romano e Nicola Cosentino

    CASERTA – L’approdo in Consiglio Regionale, reso ufficiale dalla sua partecipazione deliberante alla sua seduta di venerdì, di Domenico Ventriglia, è destinata, se non necessariamente a rimpinguare il gruppo di Forza Campania, formato da 6 consiglieri regionali, sicuramente a rafforzare le ragioni di chi ritiene che l’attuale giunta regionale sia del tutto inadeguata a governare la Campania in quest’ultimo scorcio di legislatura.

    Ragioni ampiamente condivise all’interno del Consiglio Regionale, dove esiste, ormai, una maggioranza evidente che chiede a viva voce l’azzeramento della giunta, o un profondo rimpasto della medesima.

    E se in casi, come quello dell’Udc Angelo Consoli, Caldoro potrà, eventualmente, trattare direttamente con lui, non dovendo affrontare il problema di una rivendicazione corale ed espressione di un gruppo precisamente perimetrato, con Domenico Ventriglia il discorso è diverso.

    Lui non ha ancora formalizzato l’iscrizione ad un gruppo consiliare. E’ molto riconoscente al consigliere forzista Nocera, che molto lo ha sostenuto nel braccio di ferro con Sagliocco. Ma, allo stesso tempo, Ventriglia ha espresso in più occasioni, durante questi ultimi anni, la sua delusione di sindaco e di uomo del Pdl, per come la Provincia di Caserta è stata rappresentata, ed ancora oggi è rappresentata, in Regione.

    L’ha fatto senza mandarle a dire, ma uscendo allo scoperto direttamente, attraverso critiche robuste, indirizzate sia al presidente del Consigli Regionale,m Paolo Romano che all’attuale assessora all’Agricoltura, Daniela Nugnes, che, effettivamente, si sta muovendo in maniera impalpabile all’interno della giunta, in un settore, quello primario, rispetto al quale, in provincia di Caserta, si potrebbero fare cose importanti e rispetto al quale la Nugnes sta disperdendo un’occasione storica.

    Ecco perchè Ventriglia, se proprio si iscriverà al gruppo di Forza Italia, lo farà da indipendente, per questo motivo, con ogni probabilità, unirà la sua voce a quella dei colleghi cosentiniani di Forza Campania e a quella di alcuni consiglieri regionali del Nuovo Centrodestra, nella richiesta di azzeramento della giunta regionale.

    Nei giorni scorsi, Paolo Romano, come abbiamo scritto, ha tirato calci all’interno del suo partito. Ciò è avvenuto proprio perchè lui vede come fumo negli occhi un patto federativo con Forza Campania, che, nel brevissimo periodo, si darebbe l’obiettivo di un nuovo governo della giunta regionale, nel medio periodo una federazione politica, all’interno della quale, gioco forza, dopo averlo tradito in malo modo, Paolo Romano dovrebbe tornare ad avere Cosentino prima come interlocutore, e poi, probabilmente, come leader.

    Questo il quadro che ci obbligherà a tenere aperto un punto di osservazione nei palazzi della Regione Campania, visto che quegli equilibri sono cruciali anche per la ridefinizione del quadro di partiti ed alleanze nel Centrodestra in provincia di Caserta.

     

     

    Gianluigi Guarino

     

     

     

    PUBBLICATO IL: 23 marzo 2014 ALLE ORE 12:19