Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CELLOLE. Malviventi rubano rame nel depuratore. Il danno ammonta a 50 mila euro


    Sul posto sono intervenuti il sindaco Izzo e il dirigente del settore Ambiente ed Ecologia del Comune, Franco Sorgente e l'Arpac

    aldo izzo

    Cellole. Raid vandalico e furto di fili di rame presso il depuratore di Cellole a Baia Domizia. Si tratta di un danno che ammonta a circa cinquantamila euro e che purtroppo inevitabilmente ricadrà sulle tasche dei cittadini cellolesi.  Ad accorgersi dell’accaduto questa mattina sono stati i dipendenti della società ‘Riccio’ che gestisce l’impianto. Immediatamente è stato allertato il sindaco, Aldo Izzo, che è arrivato subito sul posto accompagnato dal dirigente del settore Ambiente ed Ecologia del Comune, Franco Sorgente. Il primo cittadino giunto sul luogo del raid, perpetrato ai danni del depuratore nel corso della notte scorsa, non ha potuto fare altro che constatare l’accaduto e fare un bilancio del danno subito.

    Ignoti, infatti, si sono introdotti nella notte all’interno dell’impianto, hanno divelto prima le porte esterne e poi quelle interne. Una volta all’interno hanno iniziato a ‘zappare’ prelevando i fili di rame nel suolo per poi portarli via. Lì dove non sono riusciti a rubarli li hanno comunque tagliati portando a termine un danno non indifferente. Hanno anche distrutto sia la cabina esterna che quella interna. “Devo constatare con amarezza l’accaduto- ha affermato il sindaco, tra i primi a recarsi sul posto con il dirigente Franco Sorgente-. Ma purtroppo a questo punto non si può fare più nulla. Ho incaricato la società che gestisce il depuratore di attivarsi al più presto per ripristinare lo stato dei luoghi. Ma mi hanno già detto che questo intervento richiederà cinque o sei giorni. Dunque, in questo arco di tempo il depuratore non sarà funzionante”, ha concluso il sindaco, che si è immediatamente attivando allertando i carabinieri, l’Arpac, la Procura e la Prefettura di Caserta.

    PUBBLICATO IL: 11 marzo 2014 ALLE ORE 13:29