Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASAL DI PRINCIPE ALLE ELEZIONI. Renato Natale pesca in Forza Italia. Sarà un ottimo sindaco politico. TUTTI I NOMI IN BALLO


    Con le mille firme dichiarate è partita ufficialmente la campagna elettorale dell'ex sindaco che vuole tornare ad esserlo. Nei prossimi giorni molte indiscrezioni e molte valutazioni sul mitico "orecchio assoluto" Enrico Maria Natale e su Elisabetta Corvino di Mario e su altri

    Nella foto E.M.Natale, Corvino e R.Natale

    Nella foto E.M.Natale, Corvino e R.Natale

     

    CASAL DI PRINCIPE – Renato Natale aveva fatto pensare nelle scorse settimane di non essere molto convinto di candidarsi a sindaco di Casal di Principe. In realtà, pur essendogli stata data la patente di” Unto del signore”, dell’anticamorra irriducibile e coraggiosa, pur avendo avuto la consacrazione della fiction rai su Don Peppe Diana, attraverso la definizione del suo personaggio recitato da un attore, pur avendo avuto un imprimatur di eccezione quando l’allora coordinatore della dda di Napoli Cafiero De Raho, correva l’anno 2012, durante un convegno , lo investì sul campo della carica di nuovo sindaco di Casal di Principe, insomma pur con tutti gli ingranaggi dei poteri forti, delle fiction, ma fiction sul serio viste le castronerie messe a sua disposizione, noi continuamo a ritenere che la qualità migliore di Renato Natale 4 volte candidato sindaco e una volta sindaco anche con l’appoggio di Nicola Cosentino, sia  rappresentato dalla sua indubbia abilità di politico.

    Renato Natale, ai nostri occhi sarà un candidato sindaco politico ed, eventualmente, un sindaco politico, in considerazione del fatto che ha svolto la funzione di consigliere comunale di Casal di Pricipe per circa 20 anni.

    Stamattina, Renato Natale ha compiuto un abile mossa da politico che, essendo tale,  si pone il problema di non apparire un politico quando questo non è redditizio da un punto di vista elettorale. Un politico abile, infatti, di questi tempi, che vuole candidarsi a sindaco , non può proporsi lui direttamente, ma occorre una designazione a furor di popolo. Alle primarie, a  Casal di Principe,  non ci sono arrivati, ma le mille firme che Natale ha dichiarato urbi et orbi, di aver raccolto a partire da quelle di alcune associazioni, rappresentano un ottimo surrogato.

    Noi che conosciamo i nostri polli e non ci siamo mai fatti impressionare più di tanto,  anche quando Natale affermava che il giornale che il sottoscritto dirigeva era al soldo della camorra, come se il sottoscritto montanaro del Sannio fosse nato cresciuto e pasciuto a Casal di Principe come lui, riteniamo che Renato Natale sia un ottimo candidato sindaco di una coalizione di puro conio politico, che metterà dentro persone che legittimamente inseguono e perseguono obiettivi di tipo politico, magari ammantandoli della solita retorica dell’anticamorrismo militante che però, in passato non ha mai prodotto una denuncia circostanziata con nomi, cognomi , indirizzi e partite iva dei camorristi e dei loro accoliti imprenditoriali e “collettati”di bianco. Esattamente il contrario di quello che ha fatto in questi anni Casertace.

    Detto questo e ribadito il nostro pensiero già espresso in passato, se avremo la fortuna e la possibilità di fare un’intervista a Renato Natale, le domande le faremo noi, e solo se risponderà a quelle domande potrà indossare ai nostri occhi il manto bianco.

    Per il momento, bando alla melassa della retorica dozzinale e parliamo di politica, liste e di candidati.

    Con Renato natale, dovrebbero correre due ex forzisti, targati Pdl all’epoca di Cipriano Cristiano sindaco: si tratta di Amedeo Capasso e Antonio Natale. Il primo ha fatto parte dei giovani di Forza Italia ed è stato eletto in consiglio comunale nel 2010; il secondo in consiglio comunale c’è stato due volte. La prima nel 2007, giunta Cipriano Cristiano, la seconda nel 2010 eletto nel Pdl, come consigliere di minoranza. Antonio Natale è anche nipote sia di Renato Natale che del responsabile politico del Pdl e della campagna elettorale di Cipriano Cristiano,  Elio Natale.

    Un altro nome caldo per la candidatura è quello di Marisa Diana, sorella di Alessandro Diana, presidente dell’ordine degli avvocati della provincia di Caserta, e a sua vola candidato sindaco nel 2007.  Marisa Diana è stata impegnata nelle passate amministrazioni, nella prima giunta di Pasquale Martinelli, in particolare dove ricoprì la carica di assessore all’istruzione.

    In campo dovrebbe scendere anche Mirella Letizia, moglie di Peppe Pagano, titolare del noto ristorante NCO, altro totem della retorica di cui sopra. La Letizia, prima di candidarsi dovrebbe lasciare il suo ruolo in cooperative e associazioni che gestiscono i beni confiscati e che dunque sono diretti interlocutori del comune.

    Sembra allontanarsi, invece, da una candidatura pro Renato Natale, Franco Romano, il famoso compositore del cartello, “grazie carabinieri..” che, a quanto pare, si starebbe avvicinando al mitico “orecchio assoluto”, il simpaticissimo Enrico Maria Natale, figlio di Mario su cui ci intratterremo a lungo in queste settimane di avvicinamento alla presentazione delle liste. Parimenti discuteremo e vi daremo notizie delle iniziative politiche ed elettorali degli altri papabili, come Elisabetta Corvino, figlia di Mario, Pasquale Pezzella e Vincenzo Simeone.

    Una nota a margine: le liste civiche sono decisive a Casal di Principe, per la vittoria di un candidato sindaco di sinistra che potrà indossare la fascia solo se pescherà a piene mani nel bacino elettorale che è stato di Nicola Cosentino.

    Per il momento è tutto.

    Gianluigi Guarino.

    PUBBLICATO IL: 27 marzo 2014 ALLE ORE 18:50