Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASAL DI PRINCIPE ALLE ELEZIONI. Il medico dell’Albanova scende in campo da sindaco, mentre Ciccio o’ Viecchio sarà il regista della candidatura di Simeone


    Cominciamo a scrivere noi della campagna elettorale di Casal di Principe. E già vi annunciamo che domani mattina, martedì, vi diremo cosa stanno pensando e facendo i grossi calibri elettorali della città

     

    Nelle foto, da sinistra, Vincenzo Simeone, Fabio Quadrano Iavarazzo e Pasquale Pezzella

    Nelle foto, da sinistra, Vincenzo Simeone, Fabio Quadrano Iavarazzo e Pasquale Pezzella

    CASAL DI PRINCIPE – Per diventare nuovamente consigliere comunale Vincenzo Simeone dovrà conquistare almeno 600 voti. Ieri, domenica, ufficializzando la sua candidatura a sindaco ha affermato di essere in grado di mettere in campo due liste. 32 candidati, dunque, che se portassero 20 voti di media a testa, gli garantirebbero l’ingresso in Consiglio comunale.

    Tre associazioni, Nuova Casale, Forza Casale e Diamo Voce alla gente, tutte riferibili a lui. All’interno di una di queste c’è anche un ex revisore dei conti del Comune di Casal di Principe. Si tratta del ragioniere Attilio Petrillo. Tra i sostenitori di Simeone, all’interno dell’associazione Forza Casale, destinata nelle intenzioni del candidato sindaco a diventare una lista, c’è Fabio Quadrano Iavarazzo, un altro nome non certo nuovo, già assessore in un’amministrazione Martinelli, con qualche Iavarazzo in più nel suo motore.

    Nella foto, Attilio Petrillo

    Nella foto, Attilio Petrillo

    Simpatizza per Simeone “anche il simpatico” Francesco Diana, detto affettuosamente dagli amici, Ciccio o’ Viecchio, a causa di una precoce calvizie che rendendolo scarsocrinito in giovane età, gli fa dimostrare più anni di quelli che ha veramente. Diana di professione fa il consulente assicurativo e coltiva anche qualche legittima ambizione imprenditoriale e una smisurata passione per i piani regolatori e oggi per il Puc.

    Altro candidato della domenica, ma nel vero senso della parola, visto che il suo impegno è stato ufficializzato ieri, è il presidente della Pro Loco di Casal di Principe, Pasquale Pezzella, medico dell’ospedale Moscati di Aversa.

    Pezzella, immancabilmente ha subito snocciolato il solito vocabolario di frasi fatte sulla legalità. Il nome che ha scelto, d’altronde, è fin troppo chiaro: “Generazione Nuova Casale“. Detto da uno che la vecchia Casale la conosce bene, visto che per 15 anni ha fatto il presidente della Pro Loco, risvegliando il suo spirito organizzativo solo negli ultimi 2 anni; visto che è stato medico sociale dell’Albanova Calcio che non era questo fiore di legalità, come hanno dimostrato le carte processuali di Spartacus; visto che ha abitato per diversi anni in via Croce, di fronte all’abitazione di Antonio Schiavone, fratello di Sandokan e a 50 metri dalla casa di via Bologna di Francesco Schiavone e, ancora di fronte all’abitazione di Alfonso Ferraiuolo, dove fu scoperto un marchingegno che serbava probabilmente il rifugio di Sandokan, beh da uno con queste esperienze ci aspettiamo delle testimonianze importanti, stringenti, rivelatorie rispetto agli anni di piombo della camorra.

    Sicuramente, ci aspettiamo qualcosa in più rispetto a quanto disse durante la campagna elettorale delle elezioni provinciali del 2005 quando, con 750 voti, contribuì nella lista della Margherita, all’affermazione di Sandro De Franciscis

    Gianluigi Guarino

     

    PUBBLICATO IL: 31 marzo 2014 ALLE ORE 17:32