Sport

ORE 13.03 ESCLUSIVA - Clemente Russo "TATANKA" è campione del mondo

Tre minuti fa il verdetto unanime dei giudici per un match che abbiamo seguito con grande attenzione, dominato dal pugile di Marcianise, contro il russo Tiscenko MARCIANISE - Poc


Tre minuti fa il verdetto unanime dei giudici per un match che abbiamo seguito con grande attenzione, dominato dal pugile di Marcianise, contro il russo Tiscenko MARCIANISE - Pochi secondi fa (sono le 13.03) Clemente Russo, si è laureato campione del mondo di pesi massimi nella rassegna iridata in corso di svolgimento ad Alma Ata in Kazakistan. Il pugile marcianisano ha sconfitto nettamente ai punti il russo Tiscenko. Non c'è stata storia. Russo è salito sul ring forte della sua grande esperienza e per nulla intimidito dalla enorme differenza di statura a favore del su avversario, le cui leve lunghissime non sono, però, mai riuscite ad aprire una breccia nella guardia dell'atleta marcianisano, se non in qualche rarissimo frangente del terzo round. Di contro, Russo è riuscito più volte ad accorciare la distanza, approfittando della lentezza di Tiscenko nei movimenti dei suoi arti inferiori. Ottime combinazioni al corpo, doppiate con i proverbiali ganci che hanno fatto di Clemente Russo una sorta di leggenda del pugilato dilettantistico. Unanime il verdetto dei giudici, che già alla fine della seconda ripresa assegnavano al nostro atleta due punti di vantaggio. Clemente Russo, dunque, aggiunge un altro alloro alla sua splendida carriera, che contiene anche due medaglie d'argento olimpiche, raccolte a Pechino nel 2008 e l'anno scorso a Londra. Russo diventa campione del mondo per la seconda volta, dopo il titolo aggiudicatosi nel 2007. E' l'unica medaglia d'oro del pugilato italiano, che, comunque, si è ben comportato, aggiungendo due bronzi, vinti dal milanese, pluridecorato olimpico, Cammarelle e dall'altro marcianisano Domenico Piccirillo. Buona anche la prestazione del terzo pugile di marcianise, dato che la marcia di Mangiacapre si è fermata ai quarti di finale, dunque, a un passo dal podio. Red.Spo.