Cronaca Nera Cronaca Nera Cronaca Nera

ORE 19.41. ESCLUSIVA. Incredibile: noto cancelliere del Tribunale di S. MARIA CAPUA VETERE indagato con suo padre poliziotto e un congiunto per sequestro di persona, lesioni personali aggravate e usurpazione di funzione pubblica

Chiuse le indagini su un episodio durante il quale una persona fu trattenuta con la forza davanti al Bar Morico e successivamente...


S. MARIA C.V. - Un brutto episodio, denunciato da G.M.P., perpetrato molto sorprendentemente da personaggi insospettabili e titolari di importanti funzioni pubbliche, quali sono Giovanni, Paolo e Carmine De Gennaro. Uno poliziotto, un'altro, addirittura, cancelliere negli uffici della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Ed è stata proprio uno dei sostituti procuratori, la dottoressa Antonella Cantiello, a condurre l'indagine su questo episodio, consumatosi davanti al noto Bar Morico di Santa Maria Capua Vetere quando, secondo la ricostruzione fatta dal magistrato inquirente, sarebbe stato sequestrato per mezz'ora, ripetutamente colpito, alla testa e alla tempia e minacciato gravemente, anche di morte. Per questi motivi, Paolo, Giovanni e Carmine De Gennaro sono indagai per i delitti gravissimi di sequestro di persona, lesioni personale aggravate e per usurpazione di funzione pubblica. La Procura dove lavorava ha chiuso le indagini e ha notificato il relativo avviso, ai sensi dell'articolo 416 bis del codice di procedura penale, ai 3 indagati più di venti giorni fa. Oggi, tutta la documentazione, superato il limite delle tre settimane entro le quali gli indagati possono produrre documenti, elementi o chiedere di essere ascoltati, l'avviso di conclusione delle indagini è stato notificato anche all'avvocato della persona offesa. A questo punto il pallino resta ancora nelle mani della Pm Cantiello che, con ogni probabilità, entro poche settimane chiederà il rinvio a giudizio dei tre. Successivamente sarà fissata l'udienza preliminare davanti a un Gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che deciderà se accogliere o non accogliere l'istanza della pubblica accusa. G.G.