DETTAGLIO ARTICOLO

Il giovane Antonio Fionda sfida Marrocco con l'appoggio di Antonio Marandola

ROCCA D’EVANDRO - Il “ leone” della politica montana Antonio Marandola, abdica a favore del  candidato a Sindaco Antonio Fionda, in grado di smantellare il regno di  Marrocco


ROCCA D’EVANDRO - Il “ leone” della politica montana Antonio Marandola, abdica a favore del  candidato a Sindaco Antonio Fionda, in grado di smantellare il regno di  Marrocco. Il funzionario d’azienda Antonio Fionda, ha accettato di candidarsi alla carica di Sindaco, nella competizione che lo vedrà “ sfidare”nel segno del grande Antonio Marandola,  l’attuale Sindaco Angelo Marrocco del Comune di Rocca D’Evandro. I Consiglieri d’opposizione Dante di Iorio, Ivan Marandola e Arduino Tudino , unitamente ai candidati che hanno accettato di presentarsi al giudizio degli elettori, hanno scelto come loro candidato a Sindaco il giovane Fionda, già candidato  nelle scorse elezioni. Il candidato alla carica di primo cittadino  Fionda, in questa occasione si trova a dover affrontare una battaglia, pari a quella di suo cognato David Simone, candidato a Sindaco  del Comune di Conca della Campania. Dotati entrambi di professionalità e potenzialità oltre la norma, Fionda e Simone, potrebbero accedere al Consiglio Generale della  Comunità Montana Monte Santa Croce, nell’eventualità di una vittoria elettorale nei rispettivi comuni di appartenenza. . Mentre il candidato Fionda prosegue nella formazione della lista, l’attuale Sindaco Marrocco ha già inserito nel suo team i candidati Civita Di Zazzo, Ugo Marandola, Luciano Teoli,  Vittorio Carbone, Carmine Teoli, Nicola Di Zazzo, Michele Charello, Del Giudice Giovanni.  La terza  incognita targata Livio Marrocco, per il momento sembra che stia valutando ancora se partecipare alla competizione elettorale o accodarsi ad una delle due liste quasi pronte.  Sicuramente Livio Marrocco prima di decidere definitivamente se presentarsi,  con i  candidati  Emilia Delli Colli, Sabatino Teoli, Flavio De Ceci, ed altri  valuterà bene il momento o per meglio dire l’occasione, cosi da non fare solo fumo e niente arrosto. Anna Izzo